Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

5 x 1000 : L.A.V. ed E.N.P.A. sempre ai primi posti.....

In questi giorni l'Agenzia delle Entrate ha pubblicato gli elenchi dei beneficiari del 5 x 1000 relativi alle dichiarazioni dei redditi del 2013. Si confermano in cima alle scelte degli italiani l'Associazione Italiana per la ricerca sul cancro, che raccoglie 54 milioni di euro, Emergency (l'associazione fondata da Gino Strada che apre ospedali e ambulatori per curare poveri e feriti di guerra) che arriva a quasi 12 milioni e Medici Senza Frontiere, con quasi 8 milioni.
 
Sempre altissime le cifre assegnate ad alcune associazioni animaliste e ambientaliste. Come la Lav, che con 52705 firme sulle dichiarazioni dei redditi (erano 45 mila nel 2011 e 49 mila nel 2012) si porta a casa un milione e 327 mila euro. Segue l'Enpa che, con 46737 preferenze, incassa 1 milione 146 mila euro (erano 1 milione 107 mila euro nel 2012 e 948 mila nel 2011), più quindi di importanti associazioni come Amnesty International e Fai (Fondo per l'Ambiente Italiano). Lieve calo per Wwf a cui vanno 863 mila euro (922 mila nel 2012, un milione e 21 mila euro nel 2011). Greenpeace si ferma invece a 617 mila (anch'essa in calo rispetto al passato, 650 mila nel 2012 e 758 mila euro nel 2011), stabile la Lipu con 293 mila euro (290 mila nel 2012, 298 mila euro nel 2011),
 
Oipa (Organizzazione Internazionali Protezione Animali) arriva a 277 mila euro (ha preso 299 mila nel 2012 e 227 mila euro nel 2011). Segue, in crescita, l'Associazione Animalisti Italiani con 112 mila euro (102 mila nel 2011). In leggero calo Legambiente che (dati sempre riferiti al 2013) passa dai 121 mila euro del 2011 ai 103 mila euro del 2013. Molto meno la Lac (Lega per l'abolizione della caccia) ma stabile rispetto gli scorsi anni: 12 mila euro (più 1800 euro per la sezione piemontese).
 
Per quanto riguarda il mondo della caccia, la Federazione Italiana della Caccia incassa 701 preferenze, il che vuol dire 17684 euro (erano 13.348 nel 2011), cui si aggiungono quelli delle federazioni regionali: Federcaccia Toscana prende 1650 euro (2 mila 600 euro nel 2011), mentre l'Associazione Cacciatori trentini 3800 euro circa. Urca (Unione Italiana Cacciatori Appennino) si aggiudica 1200 euro (2 mila 200 euro nel 2011) e infine Arci Caccia Toscana 3848 euro (4492 nel 2011). 
 
 
 
Downloads