Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Abruzzo, l’assessore Dino Pepe sulla recente approvazione dei piani quinquennali per la gestione degli ungulati

Abruzzo, l’assessore Dino Pepe sulla recente approvazione dei piani quinquennali per la gestione degli ungulati che permetteranno di contrastare i danni ma anche per attuare una gestione sostenibile.
Sono stati approvati dalle Province di Pescara e Teramo (rispettivamente il 17 ed il 27 aprile 2015) ipiani quinquennali per la gestione degli ungulati. Anche la Provincia di Chieti ha comunicato la prossima approvazione degli stessi. Lo ha reso noto l'assessorato alla Caccia che ha voluto fortemente, con la convocazione di numerosi tavoli tecnici specifici, la realizzazione di questo percorso. Gli strumenti di programmazione venatoria serviranno a limitare la proliferazione della specie, anche in aree dove la sua presenza non è compatibile con gli elementi faunistici, ambientali e antropici, e, dunque, ridurre i danni alle colture. Con i due Piani si definiscono la quota di prelievo per ogni ambito territoriale, le modalità di contenimento ed i periodi. L'assessore Pepe ha espresso la sua soddisfazione ricordando che “gli importantissimi ed attesi provvedimenti contribuiranno ad affrontare le problematiche determinate dall'eccessivo incremento numerico dei cinghiali, responsabili di ingenti danni alle attività agricole e zootecniche e causa di molti incidenti stradali. Ringrazio le Province, gli ATC e la struttura regionale? - ha proseguito Pepe - per la fattiva collaborazione spesa in questi mesi”.
Pepe: “I Piani permetteranno di intervenire in modo efficace non solo per contrastare i danni ma anche per attuare una gestione sostenibile, sia dal punto di vista ambientale e sia sanitario-zoonosico. Nel nuovo Piano di Sviluppo Rurale, sono state previste risorse per creare una filiera basata sul cinghiale, per generare un'economia virtuosa, come già successo in altre regioni italiane”. Le battute per il contenimento dei cinghiali dovrebbero iniziare entro maggio. Purtroppo è da segnalare l'assenza della Provincia di L'Aquila da tutti i tavoli tecnici convocati dall'assessore Pepe. 
 
( 5 maggio 2015 )