Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

CAMPANIA:"linee di indirizzo Emergenza Cinghiale"

A seguito relazione istruttoria della UOD Caccia della Regione Campania;
sono state definite le LINEE DI INDIRIZZO PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA STRAORDINARIO - EMERGENZA CINGHIALI IN CAMPANIA.
Per una corretta analisi dei danni risulta fondamentale avere a disposizione dati che consentano di seguire l’evoluzione temporale e spaziale del fenomeno. Ad oggi manca un sistema articolato di informazioni sui cinghiali, per cui appare opportuno, in questa prima fase, sistematizzare le informazioni disponibili e sulla base di esse programmare l’attività da intraprendere.
Nel corso della prima fase si valuterà l’iter procedurale sotteso alla gestione delle richieste di ristoro dei danni da fauna selvatica, in vista di possibili modifiche che possano imprimere efficienza ed efficacia al procedimento di specie, partendo dall’acquisizione della richiesta, all’accertamento, stima e rimborso del danno. La suddetta attività verrà essere sviluppata con il supporto di un sistema informatico di gestione e visualizzazione dei danni.
Un software on-line sarà dedicato alla gestione delle pratiche dei danni, dei contributi per i miglioramenti ambientali e alla prevenzione dei danni, nonché degli abbattimenti. Il sistema in questione dovrà consentire un collegamento puntuale tra la banca dati e territorio (dinamica dei danni).
Il programma straordinario dovrà fornire uno strumento tale da rappresentare lo stato della specie cinghiale, in termini di stime, prelievo, danni e gestione in tempo reale. Il raggiungimento di tale obiettivo rende necessario procedere attraverso azioni coordinate tra tutti i portatori di interesse ed esplicarsi secondo le fasi, di seguito elencate:
· definizione di una modulistica univoca tra Province, ATC e Aree Protette;
· creazione di un archivio digitale con tutte le informazioni relative ai danni (es. data,
localizzazione coordinate catastali e geografiche, coltura, importi richiesti ed erogati, ente competente, specie ecc.);
· ricostruzione storica dei dati da cartaceo a digitale degli ultimi cinque anni strutturati come indicato al punto precedente;
· restituzione cartografica dei dati attraverso GIS;
· analisi storica dei danni così ottenuti;
· analisi degli istituti faunistici anche in funzione dei danni (ZRC, perimetri ecc);
· individuazione dei "punti caldi", mappe delle aree critiche per tipologia di danno e specie;
· sviluppo e messa in atto di sistemi di prevenzione;
· incontri formativi su accertamento e prevenzione dei danni.
 
Con Deliberazione Giunta Regionale n. 857 del 29/12/2015
ai sensi della Legge Regionale 9 agosto 2012, n. 26 e s.m.i., artt. nn. 16 e 18 - 
Sono state approvate le "linee di indirizzo per la realizzazione programma straordinario emergenza cinghiali in Campania"
 
Scarica l'allegato:
 
 
 
Downloads