Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

EPS fra i soci fondatori di U.N.A Uomo Natura Ambiente

“Selvatici e buoni: uomo natura ambiente. Progetti per un nuovo equilibrio della filiera ambientale”, sarà l’ occasione per parlare di ambiente, comunità locali, sostenibilità, economia capace di creare attrattività per il territorio e posti di lavoro.
 
L’ambiente che ci circonda, quello montano in particolare, ha subìto negli anni una graduale diminuzione della popolazione locale che, da queste località, si è spostata verso la pianura. Tutto ciò ha portato a degrado del territorio, diminuzione dell’eterogeneità ambientale e aumento degli ungulati selvatici, un fattore che ha impattato in modo pesante sull’ambiente anche in relazione ai danni che questi animali possono provocare.
 
Il problema può trasformarsi in risorsa grazie alla pianificazione e all’applicazione di un piano di prelievo venatorio che consenta di valorizzare la carne di selvaggina e tutte le differenti fasi della sua filiera, il coinvolgimento di ristoratori e chef e la formazione per gli operatori e per le scuole primarie e superiori sui valori del progetto.
 
Come fare quindi per trasformare un problema in una risorsa? grazie alla pianificazione e all’applicazione di un piano di prelievo venatorio che consenta di valorizzare la carne di selvaggina - i cui consumi sono in crescita - e tutte le differenti fasi della sua filiera, anche attraverso lo sviluppo di un disciplinare e di marchio di produzione locale, il coinvolgimento di ristoratori e chef, la formazione per gli operatori e per le scuole primarie e superiori sui valori del progetto.
 
Il tutto dovrebbe avere ricadute importanti e positive non solo nel settore economico ma anche in altri comparti, come quello del turismo ludico-sportivo, con un auspicato decremento del bracconaggio, dato che la legalizzazione e certificazione della selvaggina permetterebbe ai ristoratori di potersi approvvigionare attraverso canali regolarizzati e non tramite un mercato illegale.
 
Il progetto, a cura dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, in collaborazione con il Dipartimento di Veterinaria dell’Università di Milano e la Società Italiana di Veterinaria Preventiva, vedrà la partnership di CNCN - Comitato Nazionale Caccia E Natura.
 
 
 
Downloads