Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Importante nota esplicativa ISPRA

A seguito dell'art. 7 comma 2 della legge 221 del 28.12.2015 di seguito integralmente riportato: 
"è vietato il foraggiamento di cinghiali, ad esclusione di quello finalizzato alle  attivita' di controllo. Alla violazione di tale divieto si applica la sanzione prevista dall'articolo 30, comma 1, lettera l), della citata legge n. 157 del 1992"
avvertita l'esigenza di molti concessionari che vedevano così preclusa la possibilità di gestire il cinghiale anche in selezione, il direttore Franolich, coaudivato dallo studio legale Nicolucci, ha richiesto ad ISPRA una nota esplicativa che definisse, a questo punto, cosa intendesse il legislatore per " controllo". Di fatto la norma così come scritta precludeva qualsiasi possibilità di foraggiare la specie cinghiale con naturale insuccesso nel prelievo di selezione, pratica ormai fortemente in uso negli istituti faunistici privati.
Ispra nella sua nota evidenzia che il foraggiamento, operato nell'ambito della caccia di selezione, con finalità di mitigazione degli impatti del Cinghiale debba essere attuato in modo da escludere effetti di incremento delle popolazioni della specie. A tal fine, nella regolamentazione del foraggiamento artificiale nell'ambito della caccia di selezione al Cinghiale Ispra fissa i parametri che ne permettono un utilizzo corretto e legale.
Per maggiori informazioni è possibile scaricare il parere completo.

 
Per informazioni relative al recepimento della nota da parte delle amministrazioni si prega di contattare la direzione EPS 
 
 
 
Downloads