Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

No alla soppressione del Corpo Forestale dello Stato

LA CACCIA DIFENDE IL CORPO FORESTALE DELLO STATO
Le associazioni venatorie Fidc, Arcicaccia, AnuuMigratoristi, Eps, e Cncn esprimono viva preoccupazione per le problematiche non risolte relative ai corpi di polizia che assicurano la vigilanza e la sicurezza nelle nostre campagne.
"La “Riforma Del Rio” ha aperto una riflessione su ruolo e funzione della polizia provinciale, mentre ci si avvia al progressivo superamento di competenze dell’ente. A questo si aggiunge la discussione aperta sulla riorganizzazione e la possibile messa in discussione dell’esistenza del Corpo forestale dello Stato. Le riforme in essere rischiano di far diminuire l’azione di presidio delle aree rurali e interne con un indebolimento delle attività delle forze di polizia specializzate nella prevenzione e repressione dei reati ambientali che sono molto diffusi e, se non perseguiti adeguatamente, danneggiano spesso irrimediabilmente gli interessi di tutti i cittadini italiani.

Leggi tutto il contenuto





by: Settore Comunicazioni E.P.S. Sicilia