Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

Paura brucellosi in Sicilia.

E’ paura brucellosi in Sicilia e, secondo quanto diffuso oggi dall’Istituto Zooprofilattico durante un convegno, è Messina la provincia più colpita. Scongiurato, invece, l’allarme nell’agrigentino, secondo i dati diffusi dall’Istituto la maggior parte di aziende di bovini risultate positive si trovano nel Messinese, seguono Ragusa e Catania.

Palermo si trova in settima posizione, mentre la provincia meno colpita è quella di Agrigento. Su un milione e 500 mila capi del patrimonio zootecnico regionale, annualmente l’Istituto effettua oltre un milione di esami, perché gli animali controllabili sono quelli che hanno più di un anno.

Santo Caracappa, direttore sanitario dello Zooprofilattico, afferma che i controlli avvengono per “quasi il 100 per cento del patrimonio zootecnico, in 8 province su 9. L’unica provincia dove il controllo di bovini si ferma all’80 per cento è Messina, perché ci sono ancora sacche che sfuggono ai controlli ufficiali”.