Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 

preoccupazione per le modifiche apportate dalla Città Metropolitana di Firenze al Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria e per il riconoscimento di Guardia giurata venatoria

Nei giorni scorsi la Città Metropolitana di Firenze ha approvato il nuovo Regolamento per il coordinamento della vigilanza volontaria e per il riconoscimento di Guardia giurata venatoria.
EPS Toscana esprime sorpresa e rammarico sia per il metodo utilizzato, dal momento che non c’è stata concertazione con le associazioni venatorie, sia nel merito, poiché sono stati modificati una serie di criteri che penalizzano le numerose GGVV che volontariamente ogni giorno prestano la loro opera per la tutela dell’ambiente, la gestione faunistica del territorio, e la collaborazione con gli istituti privati.

Abbassamento dell’età limite per lo svolgimento delle prestazioni, visite mediche e prove di tiro annuali, sono alcune delle novità che impediranno a molte Guardie Volontarie di continuare a prestare la loro opera.

Tutto ciò desta non poca preoccupazione per i disagi che il Regolamento – peraltro di competenza della Regione Toscana, non della Città metropolitana (!)- porterà agli Istituti Privati che si avvalgono della vigilanza delle GGVV e alle associazioni venatorie e ambientaliste di cui sono associate.

EPS Toscana, dopo un ulteriore approfondimento con gli Enti competenti, nei prossimi giorni convocherà le Aziende associate e le proprie GGVV per dare le informazioni necessarie e concertare eventuali iniziative.